Avvelenamento da Metalli Pesanti e Rimedi Naturali

Avvelenamento da Metalli Pesanti: Quali Rimedi Naturali Sono Utili?

 

I metalli pesanti e altre tossine minacciano sempre di più la nostra salute. Recenti studi hanno dimostrato che oggi abbiamo una presenza del 60% in più nel nostro vivere quotidiano di queste sostanze altamente tossiche. Questo ha gravi effetti sul cervello e sullo sviluppo mentale dei bambini, in particolare nella formazione dell’intelletto.

Meglio Pagare per la Salvaguardia della Salute che per Curare la Malattia
Tra molti altri sintomi, lavvelenamento da piombo provoca un disturbo nella formazione del sangue, ed è così che nascono anche la leucemia e lanemia, linsufficienza renale e le malattie neurologiche.

Le sostanze più tossiche per la nostra salute sono: il mercurio, il piombo, il cadmio, il nickel e lo zinco. Ma anche arsenico e alluminio.

Sono circa 30 anni che un medico, Dietrich Klinghardt, indaga insieme ad altri scienziati, come realizzare un metodo di disintossicazione da metalli pesanti, ed è riuscito a sviluppare un metodo molto efficace con luso di rimedi naturali.

Nel momento in cui viene rimosso il mercurio dal corpo ci si rende conto che anche altri metalli tossici sono comunque la causa dannosa delle cellule nervose. In queste cellule vengono distrutti i microtubuli, rendendo così impossibile leliminazione di tossine e altri veleni. Va soprattutto eliminato il mercurio, il metallo tossico più accreditato.

Le Fonti di Metalli Pesanti

Le principali fonti di mercurio: il pesce a causa dellinquinamento dei mari, insetticidi che contengono in genere uno o due metalli pesanti, che vengono usati nella catena alimentare, lacqua potabile, ma si presume che qualsiasi acqua ne contiene, alcuni farmaci e in particolare quelli che aiutano nei nostri problemi di circolazione sanguigna, il tetano, laria inquinata dallindustria e dagli automezzi per la combustione dei carburanti.

Unaltra importante fonte di mercurio è il trasferimento dalla madre al feto attraverso la placenta e il bambino, attraverso il latte materno grazie ai processi ormonali. Attraverso questi processi, viene trasferita dalla madre al bambino una quantità di elementi tossici che va dal 40 al 60%.

Ma la più grande quantità di elementi tossici arriva nei nostri corpi grazie alle otturazioni dei denti. Le amalgame usate in questi contesti contengono di norma il 50% di mercurio.

Come Entra il Mercurio nel Nostro Corpo? E Dove si Ferma?

 

Il mercurio è l’unico metallo volatile, viene assorbito attraverso i polmoni e la pelle. Del mercurio inalato il corpo ne assorbe l82%, buona parte finisce nel sistema nervoso, mentre di quello ingerito se ne accumula solo il 7%. Ed è per questo motivo che l’inalazione è la fonte più pericolosa.

E piuttosto chiaro che dopo aver consumato un pasto il livello di mercurio nel sangue aumenta in quelle persone che hanno amalgame in bocca, poiché gli ioni di mercurio vengono rilasciati durante la masticazione. Vengono dapprima assorbiti dalla saliva e attraverso il sistema digestivo raggiungono il sangue.

Tante volte, dopo circa due ore dopo i pasti, le persone con 8 otturazioni hanno un valore di mercurio da 100 a 200 volte più alto di quello consentito negli impianti industriali. Questi valori sono in parte assorbiti attraverso le vie respiratorie e inevitabile che passano poi nel sangue, dove parte del vapore di mercurio viene trasformato in ossido di mercurio, una forma ancora più tossica. E poiché organi come il fegato, bile e cuore hanno il compito di filtrare il sangue, sono di conseguenza gli organi dove si deposita maggiormente il metallo tossico.

Oltre a questi vapori di mercurio assorbiti molto facilmente cè la barriera emato-encefalica che li porta direttamente al cervello, in questo modo la barriera viene interrotta e viene così impedito lingresso di altre tossine. Queste tossine causano sintomi e anche se non hanno nulla a che fare con lavvelenamento da mercurio, indirettamente lo favoriscono.

Quasi tutte le malattie note del sistema nervoso non sono principalmente causate dal mercurio nel cervello, ma dai veleni e dalle infezioni secondarie al cervello, a causa di una difettosa barriera emato-encefalica. Ciò significa che per il trattamento di malattie neurologiche è necessario rimuovere il mercurio e per farlo è altrettanto necessario ristabilire il funzionamento della barriera emato-encefalica, inibendo così lingresso di sostanze patogene.

Sono stati fatti appositi studi per verificare gli effetti del mercurio installando otturazioni in pecore e scimmie. Dopo soltanto quattro settimane il mercurio è stato ritrovato nei reni, nel fegato, nelle ghiandole surrenali, nellintestino, nellipotalamo, nellipofisi, nel sistema limbico, nella tiroide, nei gangli spinali, nel midollo spinale e nel cervello.

Soltanto in sei mesi la funzione renale si è ridotta di circa il 60%. Un anno dopo è stata diminuita la dose di mercurio e nonostante questo la funzione renale ha continuato a peggiorare, anche dopo aver rimosso del tutto il mercurio, questo a riprova del fatto che lorganismo avvelenato dal mercurio non si ripulisce facilmente da solo, restandone avvelenato nel tempo.

Le particelle di amalgama di mercurio sono invisibili e vengono rilasciate e inghiottite senza che ce ne rendiamo conto. La flora intestinale trasforma le particelle di mercurio in una forma di vapore di mercurio molto più pericolosa: il metil-mercurio, circa 50 volte più velenoso. Questo processo viene definito metilazione. Sono tanti gli studi che confermano questo processo, che tanti dentisti ancora negano. Il metil-mercurio migra dallintestino al sangue e quindi agli organi e ai nervi.

Il mercurio si ferma anche su ossa e articolazioni. Il mercurio finisce anche nelle gengive, nelle radici dei denti e nella mascella, al sistema nervoso centrale e al cervello nel giro di poche ore. Il nervo trigemino muore pieno di otturazioni di mercurio, argento e stagno.

Malattie Causata dal Mercurio

Il professore di chimica Dr. Alfred Stock di Berlino, ha visto con gli esperimenti che il mercurio esce dalle otturazioni fatte con le amalgame e può essere gestito bene dal corpo. Secondo questi esperimenti molti sintomi sono il più delle volte causati dal mercurio, dato che il corpo è soggetto alle otturazioni fatte con le amalgame. I medici dovrebbero preoccuparsi di tutto questo. Si è visto che luso delle amalgame è un crimine contro lumanità.

I sintomi più noti da avvelenamento di mercurio: depressione, tremori, mani e piedi freddi, disturbi del sonno, intorpidimento, colesterolo alto, perdita di memoria, stanchezza, problemi articolari. Ma ce ne sono tanti altri.

Effetti Psichici:

Ansia, instabilità emotiva, timidezza, stanchezza cronica, problemi di memoria, disturbi del sonno, depressione, desiderio di suicidio, perdita di autostima, negatività, nervosismo, mancanza di incentivi, poca energia, passività, dipendenze, indecisione, eccitabilità, epilessia, iperattività nei bambini, autismo, poca reattività, sclerosi multipla, parkinson, alzheimer.

Effetti Fisici:

Mani e piedi freddi, sudorazione notturna, dolore cronico, mal di testa, perdita di appetito, peso instabile, herpes, problemi di fertilità, costipazione, problemi articolari, caduta di capelli, impotenza, artrite, gusto metallico in bocca, debolezza generale, resistenza agli antibiotici, anemia, asma, ipertensione, eczema della pelle, disturbi ormonali, colesterolo alto, problemi alludito, problemi alla vista, facilità di infezioni, malattie del fegato, malattie renali, dislessia, neurodermite, mal di schiena, sistema immunitario debole, tremore alle mani, sanguinamento delle gengive, ulcere alla bocca, glaucomi, malattie intestinali, malattie dello stomaco, aritmia cardiaca, sensibilità alimentari, malattie virali, malattie fungine, candida, lupus, allergie, disturbi nel funzionamento della tiroide, vertigini, sudorazione abbondante, sciatica, colite, cancro, malattie delle ghiandole surrenali, reumatismi, digrignamento dei denti, morbo di Crohn.

Poiché i metalli pesanti funzionano come antenne per linquinamento elettromagnetico il Dr. Klinghardt ha invitato a vivere le persone con amalgame di mercurio in luoghi privi di radiazioni elettromegnetiche.

Nelle cellule nervose il mercurio distrugge parte dei microtubuli, inibendo il corretto trasporto assonale. Questo provoca squilibri emotivi, disturbi visivi e uditivi, sintomi del sistema nervoso, non sempre provocati dal mercurio direttamente. Nello spazio intracellulare provoca danni ai mitocondri.

In alcuni studi si potrebbero vedere che i microrganismi sono costantemente in contatto con il mercurio in bocca, non solo possono sviluppare resistenza contro di esso, ma anche contro gli antibiotici. I meccanismi di come funziona non è ancora noto.

Cè poi il passaggio di mercurio dalla madre al feto che nel bambino provoca una crescita ritardata del tessuto nervoso, un cervello più piccolo, minore peso del corpo e un sistema immunitario debole. Il potenziale genetico dei bambini che crescono in queste condizioni è limitato e forse anche collegato allautismo. Con i metodi di disintossicazione questi problemi possono essere recuperati nel primo anno di vita.

Secondo molti scienziati tanti tumori e malattie infettive sono soltanto laccenno del corpo per bloccare le neurotossine rendendole inoffensive. Nei tumori vengono trovate molte neurotossine e mercurio. Malattie legate a streptococco, stafilococco, candida e herpes sono aggravate e dipendenti dai metalli pesanti. E molte cure migliorano le malattie con la sola disintossicazione da metalli pesanti.

Diagnosi e Disintossicazione

La quantità di mercurio nel corpo non può essere misurata mediante lanalisi del sangue o dei capelli. Il mercurio non viene evacuato spontaneamente. Con la disintossicazione, sei settimane dopo scompaiono quasi del tutto grandi quantità di mercurio con le feci o le urine, nel sangue o nei capelli non si vedono più tracce.

Per misurare il mercurio è necessario utilizzare sostanze che lo spingono ad entrare in circolo nel corpo. Per questo compito servono alcuni farmaci, come DMSA e DMPS, che mobilitano grandi quantità di metalli pesanti in diverse parti del corpo e nellurina. I principali svantaggi sono gli effetti collaterali, perché viene rilasciato metallo pesante nei tessuti, ma non nel sistema nervoso.

Inoltre, vi è un grande pericolo, perché queste sostanze riassorbite rilasciano tante tossine nel corpo. Per una disintossicazione con rimedi naturali sono ottimi lalga clorella, laglio selvatico e il coriandolo. Prendendo questi rimedi può essere misurata la tossicità nelle feci.

I metalli migrano dai tessuti al sangue, prima che la clorella dia i suoi benefici assorbendoli. E molto importante sapere di questi funzionamenti. Per diagnosticare lavvelenamento da metalli pesanti è bene fare riferimento alle statistiche, con particolare attenzione al numero di otturazioni, il consumo di pesce e di altri fattori ambientali, come vivere nei pressi di industrie inquinanti.

Anche i sintomi di cui sopra, come la diminuzione della memoria a breve termine, possono essere un possibile avvelenamento da metalli pesanti. Specialmente se il livello di colesterolo è alto. Unaltra possibilità per la diagnosi è data dalla chinesiologia.

 

La clorella ha due effetti: mobilitare i metalli pesanti e radioattivi e altre tossine, soprattutto negli spazi extracellulari, metterli fuori dal corpo con le feci. Il coriandolo è in grado di pulire lo spazio intracellulare, in particolare le cellule nervose e le ossa.

Recenti studi su animali dimostrano che il coriandolo fa una rapida mobilitazione di alluminio e piombo dal cervello e dallo scheletro. Anche se lanimale è stato avvelenato con alluminio e piombo, nelle ossa è diminuito in modo significativo durante il periodo di osservazione.

Per eliminare tossine con coriandolo è importante anche la clorella. Laglio selvatico è ottimo per globuli rossi e bianchi, che rischiano ossidazione causata da metalli pesanti.

La Dieta Crudista per disintossicarti

Il Crudismo è una dieta prevalentemente vegana (cioè escludendo luso di qualsiasi tipo di prodotto animale) che si presta particolarmente bene alla disintossicazione da metalli pesanti.

Una dieta crudista prevede il consumo di alimenti integrali e crudi, escludendo anche prodotti raffinati e processati industrialmente. E una dieta estremamente salutare e disintossicante per lorganismo e fornisce tutto quello di cui lorganismo ha bisogno se effettuata correttamente.

Il miglior sito italiano sullargomento si chiama www.crudoesalute.com e propone questa dieta non in senso stretto, ma mettendola in una cornice di buon senso, adattandola alle esigenze sociali e fisiologiche.

LAglio Selvatico Protegge dalla Tossicità del Mercurio

 

Queste informazioni si basano su studi del medico Dietrich Klinghardt, che ha indagato per anni. Esperto in omeopatia classica e agopuntura. Ha diretto una clinica per pazienti con malattie croniche negli Stati Uniti per 12 anni.

Egli è stato spesso deluso dai trattamenti naturali. I pazienti che hanno praticato la disintossicazione, con loro sorpresa, hanno scoperto che tutti i trattamenti naturali hanno lavorato molto meglio di tanti altri, grazie alleliminazione delle fonti di tossine che direttamente o indirettamente causano la malattia. Con il risultato di questa scoperta, il lavoro del medico può davvero curare i pazienti e migliorare la loro qualità di vita. Così nel suo lavoro, ha usato solo in casi eccezionali i farmaci convenzionali.

NellEuropa del Nord e negli Stati Uniti molte persone si sono già dedicate alla disintossicazione da metalli pesanti e da altre neurotossine, mentre in Spagna non è ancora avvenuto, forse in parte dovuto alla mancanza di interessi dellindustria farmaceutica, che non può fare soldi con la disintossicazione, perché è impossibile ottenere brevetti per i rimedi naturali.

Secondo il dottor Klinghardt tutte le malattie che durano più di sei settimane sono legate ad un avvelenamento da metalli pesanti o altre tossine. Una disintossicazione è molto più conveniente rispetto all’acquisto di farmaci per tutta la vita. Questi ricercatori hanno curato molti casi di alzheimer e parkinson, di sclerosi multipla, di autismo e altre malattie gravi, con le quali l’industria farmaceutica guadagna milioni di euro con i suoi trattamenti.


Comments are closed.